pentola-a-pressione

PENTOLA A PRESSIONE: CONSIGLI PRATICI

In genere gli ingredienti da cuocere vanno introdotti a freddo nella pentola a pressione, a meno che la ricetta non richieda una rosolatura preliminare; in questo caso la rosolatura può essere effettuata direttamente nella pentola aperta con l'aggiunta di un poco di condimento.

Prima di chiudere ermeticamente il coperchio, bisogna aggiungere il liquido necessario per la cottura. È impossibile cuocere a secco poiché nella pentola a pressione ci deve essere sempre una quantità minima di liquido (acqua, brodo, vino, ecc) che viene generalmente indicata nella ricetta stessa. La quantità minima di liquido è pari a 1/4 di litro, la quantità massima non deve superare i 2/3 della capacità della pentola o comunque il limte indicato sulla stessa.

Una volta chiusa, la pentola andrà posta sul fuoco a fiamma vivace, fino a quando la valvola inizierà a fischiare a causa della fuoriuscita del vapore. A partire da quel momento, la fiamma andrà abbassata e si potranno cominciare a calcolare i minuti di cottura.

Durante la cottura il vapore si accumula all'interno della pentola; quando la pressione supera un certo livello la valvola consentirà la fuoriuscita del vapore, emettendo un breve fischio. Se queste fuoriuscite fossero troppo ravvicinate, abbassare leggermente la fiamma.

Terminata la cottura, è consigliabile togliere la pentola dal fuoco facendo fuoriuscire completamente il vapore dalla valvola di esercizio. Per velocizzare l'operazione si può utilizzare un mestolo di legno per sollevare la valvola. Il coperchio potrà essere aperto solo quando il vapore sarà fuoriuscito completamente.