cucinare-alla-griglia

COME GRIGLIARE LA CARNE

Esistono delle regole generali da seguire per cuocere la carne alla griglia; sia che vogliate preparare del vitello, del manzo, del maiale o del pollo, seguite queste istruzioni e riuscirete a ottenere delle ottime grigliate.

La griglia deve essere molto calda e le carni vanno scottate al massimo del calore per 2/3 minuti, quindi bisogna proseguire la cottura nel modo e nei tempi specificati nella tabella. Alcuni tipi di carne si possono consumare al sangue (ad esempio il manzo), mentre altri vanno ben cotti anche internamente, sia per questioni di gusto che per una maggiore sicurezza igienica. Per evitare sorprese potete verificare la temperatura interna usando una forchetta-termometro da inserire nella parte più spessa della carne (fate attenzione che il termometro non esca dall'altra parte, non urti un osso e che non venga a contatto con le grate della griglia). I tagli più adatti per la carne alla griglia sono: la fesa, lo scamone, la noce, la costata, la lombata e il filetto.

Ancora più gusto con le marinate

Se la carne che state cuocendo sulla griglia è stata marinata bagnatela spesso durante la cottura con cucchiaiate dello stesso condimento. Questo accorgimento vi permetterà di ottenere carni più saporite e tenere; ricordate però di non bagnare la carne dopo averla girata per l'ultima volta e terminate la cottura cuocendo 2 minuti per lato.