olio-extravergine-di-oliva

La degustazione dell'olio

L'olio d'oliva di buona qualità ha un profumo gradevole e un sapore piacevole. Tuttavia sono molteplici i fattori che influenzano, sia positivamente che negativamente, le caratteristiche di un olio d'oliva: la varietà delle olive, la zona di coltivazione, il metodo di estrazione, il grado di maturazione, la freschezza del prodotto (ovvero l'annata di produzione), lo stato di salute dei frutti e l'andamento climatico connesso al periodo di maturazione dell'olive.

I parametri che vengono valutati al fine di stabilire il livello qualitativo di un olio d'oliva sono principalmente legati alla sua 'dolcezza' di sapore, elemento variabile in base al tipo di olio considerato. Anche un basso livello di acidità, rilevabile attraverso esami chimici, è indice di qualità.

Conservare l'olio

L'olio d'oliva andrebbe sempre protetto da luce e calore; quindi l'ideale consiste nell'imbottigliarlo in recipienti di vetro scuro tenendolo lontano da fonti di calore. Infatti, il calore accelera i processi di ossidazione naturali, diminuendo la conservabilità; anche la corretta chiusura del tappo, dopo l'uso, è importante. L'olio gelando non subisce alterazioni di rilievo; è importante però che una volta scongelato non venga più riportato a basse temperature